Dispositivo antiabbandono: obbligo da subito per i bambini fino ai 4 anni

Obbligo di dispositivo antiabbandono sui seggiolini auto per i bambini sotto i 4 anni. Ecco i 3 migliori dispositivi presenti sul mercato. Scoprili qua!
dispositivo antiabbandono per seggiolino auto

I dispositivi antiabbandono diventano obbligatori dal 7 novembre 2019 sui seggiolini auto dei bambini al di sotto dei 4 anni. Lo ha deciso un po’ di fretta il Ministero degli Interni, decidendo di anticipare l’attuazione della legge che era prevista per marzo 2020. Non vogliamo fare qua polemiche su come mai e perché ci ritroviamo a dover scegliere un seggiolino auto che abbia il dispositivo antiabbandono. Vi lasciamo qua due link di due testate autoritarie nel caso voleste approfondire ulteriormente:

Negli articoli sopra citati capirete che ci troviamo in una situazione paradossale. Sta di fatto che, visto che la legge è entrata in vigore, siamo “fuori legge” se non ci adeguiamo.

Qua, visto che anche noi personalmente abbiamo il problema con la nostra figlia più piccola, vogliamo analizzare la situazione per fare la scelta migliore e cautelarci in caso che la polizia ci fermi o in caso di incidente.

Certo non vogliamo dimenticare i nostri figli in auto, non vogliamo neanche prendere una multa o farci decurtare i punti dalla patente. Non vogliamo inoltre fare una scelta sbagliata, su un seggiolino o un dispositivo che non sia omologato.

In questa sede ci vogliamo focalizzare sui dispositivi antiabbandono che possano essere integrati a qualsiasi seggiolino già in vostro possesso. Parleremo successivamente anche dei seggiolini con il sistema integrato, che però in questo frangente risultano essere “meno urgenti”.

dispositivo antiabbandono per seggiolino auto
Dispositivo antiabbandono

Dispositivo antiabbandono omologato: cosa prevede la legge

La legge prevede che i seggiolini auto esistenti siano dotati del dispositivo antiabbandono per i bambini sotto ai 4 anni. Il dispositivo, che può essere anche integrato nel seggiolino, deve avere le seguenti caratteristiche:

  • si deve attivare automaticamente ad ogni utilizzo, non dobbiamo dunque fare nessuna azione aggiuntiva che “potrebbe essere dimenticata”;
  • deve dare dei segnali acustici e visivi o visivi e aptici (con vibrazione);
  • i segnali devono essere percepiti sia all’interno che all’esterno dell’auto.

Detto questo, la maggior parte dei dispositivi si collega tramite un App al tuo telefono. Non apro qua la parentesi sul fatto che mi capita di dimenticare il telefono a casa. A parte questo, vediamo di fare alcune considerazioni sulla particolare situazione.

Scegliere il dispositivo antiabbandono: alcune considerazioni

Prima di precipitarci all’acquisto del dispositivo antiabbandono in maniera frettolosa per i nostri figli sotto i 4 anni, vediamo di ricapitolare la situazione, che potrebbe essere così descritta:

  • C’è l’obbligo, dunque dobbiamo adeguarci alla normativa;
  • potrebbero esserci delle modifiche o variazioni sulla legge, che forse è stata emanata di fretta;
  • la questione “omologazione” potrebbe avere altri risvolti, in quanto alcuni punti non sono chiari, rispetto ai dispositivi presenti sul mercato oggi;
  • abbiamo più vetture e più seggiolini da mettere a norma, ma non vorremmo spendere un capitale su 2 piedi;
  • vogliamo essere in regola, ma vogliamo scegliere con più calma.

Vediamo di andare oltre per fare una scelta ponderata.

Come scegliere un dispositivo antiabbandono

In questa situazione, facciamo delle valutazioni a sangue freddo. Sotto vi mostrerò i modelli che sembrano più validi.

Qua vediamo invece di procedere con ordine:

  • quanti figli hai sotto i 4 anni?
  • ragioniamo su quanti dispositivi dovremmo comprare (auto di mamma, auto di papà, auto dei nonni…);
  • Pensiamo all’utilizzo effettivo che dobbiamo farne. Possiamo per esempio pensare di comprarne solo uno al momento? Comprandone uno universale, puoi spostarlo su qualsiasi seggiolino auto e portarlo con te. Potresti pensare di lasciarlo anche nello zainetto di tuo figlio quando lo lasci la mattina al nido, in modo che possano prenderlo e usarlo i nonni quando vanno a prenderlo nel pomeriggio. Se sull’auto di tuo marito tuo figlio ci sale solo quando andate fuoriporta nel weekend, al momento forse potete veramente pensare di prenderne solo uno.

Visto quanto sopra, se riuscite a gestirvi con un solo dispositivo antiabbandono, ti vorremmo dare questi ultimi consigli:

  • scegli un dispositivo universale che vada bene per tutti i seggiolini, in modo che tu possa spostarlo da un’auto all’altra e che possa utilizzarlo su tutti i seggiolini che tuo figlio utilizzerà con la crescita;
  • scegli un dispositivo che abbia le tre caratteristiche di omologazione descritte sopra;
  • comprane al momento solo uno, in modo che tu possa valutarne l’utilizzo e decidere se comprarne uno uguale o prenderne un altro con caratteristiche diverse.

Arrivati fino a qua, vediamo quali sono i migliori dispositivi antiabbandono che abbiamo selezionato.

I 3 migliori dispositivi antiabbandono universali

Qua abbiamo voluto selezionare i migliori dispositivi antiabbandono universali presenti sul mercato attualmente, tenendo conto che vanno bene per qualsiasi tipo di seggiolino auto e non sono legati a nessuna marca specifica.

Baby Bell

Baby Bell ha un sensore in plastica che si posiziona comodamente sotto la seduta del bambino che rileva il peso del bambino sul seggiolino. Ha inoltre un sensore visivo che si mette nell’accendisigari che, quando spegni la macchina, riproduce un segnale acustico e visivo. Inoltre, questo apparecchio ti invia dei messaggi via App. Se il bambino non viene prelevato, l’apparecchio manda fino a 3 SMS di allarme. Questo succede anche se dimentichi il telefono. E questo aspetto è molto importante.

Questo apparecchio ti avvisa dunque sia quando sei in macchina che quando esci dalla vettura, tramite smartphone. É molto facile da usare e ha un prezzo di circa 68 €. Lo trovi su Amazon.

Questo apparecchio mi piace particolarmente perché ha un doppio sistema di avviso, tramite sensori visivi e acustici e tramite App. Inoltre, non ha bisogno di bluetooth. Ti segnaliamo solo di controllare se l’accendisigari della tua auto è costantemente alimentato anche con l’auto spenta. In tal caso, il sensore non funziona. Controllate dunque le istruzioni della vostra vettura o controllatelo tramite il carica batteria di un telefono, se lo utilizzate.

Tippy Smart Pad

Il funzionamento di Tippy Smart Pad è dato da un cuscinetto da mettere sotto la seduta del bambino che ti avvisa sullo smartphone se hai lasciato tuo figlio in auto. È facile da usare e si collega sia ai dispositivi Android che iOs.

Il vantaggio di questo prodotto è che lo puoi collegare contemporaneamente a 3 dispositivi diversi (per esempio: mamma, papà e nonno). Lo svantaggio è che, a differenza di Baby Bell, non ha altri sistemi di avviso se non quello con lo Smartphone e con gli SMS. Questo vuol dire che se ti dimentichi lo smartphone, non funziona o è spento, il dispositivo emette dei segnali che non potrai percepire. Verranno dunque avvisati i numeri di telefono collegati per la comunicazione d’emergenza con SMS.

Tippy costa circa 95 € su Amazon e ha comunque buone recensioni.

Bébé Confort e-Safety

Questo modello di dispositivo assomiglia al precedente perché dotato di cuscinetto. Comunica sempre con l’app del telefono, che subito invia una notifica di allarme. Nel caso in cui il genitore non risponda a questo segnale, il dispositivo invia 2 SMS con la posizione del veicolo a 2 contatti che gli abbiamo precedentemente comunicato. Questi messaggi vengono inviati anche senza credito telefonico. Per questa caratteristica è sicuramente un modello valutabile.

Costa intorno alle 80 €. In questo momento però su Amazon non risulta disponibile.

Contributi per l’acquisto dei dispositivi antiabbandono

Ti segnaliamo che il ministero ha disposto anche dei contributi per l’acquisto di questo dispositivo antiabbandono. Verrebbero rimborsati 30 € ad acquisto. Purtroppo, non ci sono indicazioni su quali procedure ci siano per avere il rimborso e quando poterlo ottenere.

Per questo, appena le informazioni da parte del Ministero degli Interni saranno più chiare, provvederemo ad aggiornarvi.

Rimane il fatto che se vogliamo adeguarci alla legge e tutelare nostro figlio da possibili rischi, un dispositivo dobbiamo utilizzarlo. Ecco perché Baby Bell ci è sembrato quello migliore da comprare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *